Image Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.usImage Hosted by ImageShack.us

giovedì 8 febbraio 2007

Non lo voglio in Parlamento!

Sergio D'elia Deputato Rosa nel Pugno


Condannato definitivamente a 25 anni per banda armata e concorso in omicidio per aver fatto parte del vertice di Prima Linea e aver partecipato alla progettazione dell'assalto al carcere fiorentino delle murate in cui, il 20 Gennaio 1978, fu ucciso l'agente Fausto Dionisi.
Appena eletto deputato, è stato subito nominato dall'unione segretario della Camera.

Dati Personali:

D'ELIA Sergio [ MAIL ]
Nato a PONTECORVO (FROSINONE) il 5 gennaio 1952
Liceo classico; dirigente di partito
Eletto nella circoscrizione XIX (CAMPANIA 1)
Lista di elezione: ROSA NEL PUGNO
Proclamato il 28 aprile 2006
Iscritto al gruppo parlamentare: LA ROSA NEL PUGNO dal 18 maggio 2006
Uffici parlamentari:
- SEGRETARIO di
PRESIDENZA dal 30 maggio 2006 Componente degli organi parlamentari:
  1. III COMMISSIONE (AFFARI ESTERI E COMUNITARI) dal 6 giugno 2006
  2. COMITATO DI VIGILANZA SULL'ATTIVITA' DI DOCUMENTAZIONE dal 29 giugno 2006
  3. visualizza incarichi nella legislatura

3 commenti:

cris ha detto...

Che triste sto azz di paese...un mio amico dice che se uno pensa alla carriera quella politica in italia premia sempre...basta non essere onesti.
Grazie delle news.

Anonimo ha detto...

io lo metterei con cariola e badile a fare la terza corsia della Salerno-ReggioCalabria assieme ai suoi amichetti... ovviamente ad agosto.... e soprattutto... senza fermare il traffico.... Ecco... gli potrei concedere una magliettina con su scritto: "Guardate! finalmente sto lavorando per voi!!!!"

Ciao

Lu

paolo ha detto...

non condivido proprio questo giustizialismo spicciolo.

vuoi fare di ogni erba un fascio?

innanzitutto sergio ha pagato per intero la sua condanna in carcere.

poi sergio ha condannato il suo passato pubblicamente.

poi non è stato un corruttore, non era in parlamento. aveva 23 anni e si trovò con altri studenti coetanei in un progetto più grande di loro, ambizioso e, chiamalo antidemocratico, finalizzato a difendere le classi deboli, non certo il potere dominante.

sergio da quando è fuori si è sempre battuto contro la pena di morte nel mondo tant'è che ha fondato nessuno tocchi caino.

sergio d'elia lo conosco personalmente, è forse l'unico deputato che merita quel ruolo. tant'è che per lui non è stato facile raggiungere quel posto ed ha subito numerosi vili attacchi (anche da persone della sua maggioranza).

insomma, d'elia non è certo previti e neppure visco.

sei pregato di modificare questo post o finirai per mettere alla gogna persone come sergio d'elia e lasciar fuori persone come silvio berlusconi solo perché col suo squallido potere non ha ancora ricevuto le condanne che probabilmente merita.